religione Maomettana

 


« NON VI È ALTRO Dio all'infuori di Allah e Maometto è il suo profeta » ; queste parole costituiscono il dogma fondamentale della religione maomettana o Islam. Sorta presso il popolo arabo, essa conta attualmente ben 1500 milioni di fedeli, sparsi in tutto il mondo. La nascita dell'Islam risale al VII secolo. A quei tempi gli Arabi erano divisi in tribù che adoravano il sole, la luna, le pietre; Maometto li riunì sotto una sola religione.
Egli aveva 40 anni quando, dopo aver avuto delle visioni, iniziò la sua predicazione. Affermava che l'uomo deve sottomettersi completamente a Dio, che stabilisce il suo destino (la parola Islam, nome dato alla religione maomettana, significa appunto « sottomissione »). Per obbedire alla volontà di Dio, i musulmani devono essere giusti, sinceri, umili; devono osservare le pratiche religiose, considerare come fratello ogni altro musulmano e come nemico chi appartenga ad un'altra religione; l'Islamismo dovrà essere diffuso nel mondo, anche con l'aiuto delle armi. Alla loro morte, gli uomini si addormenteranno fino al giorno in cui Dio inizierà il Giudizio Universale: allora le azioni buone e quelle cattive compiute da ogni uomo in vita saranno esaminate e così ciascuno sarà giudicato. I buoni andranno in paradiso, i cattivi all'inferno, senza speranza di perdono.
I nemici non mancarono a Maometto, soprattutto fra coloro che credevano ancora negli idoli: nel 622, costretto a fuggire dalla Mecca, sua città natale, si rifugiò a Medina. Questo anno, che fu detto dell' Egira, cioè della fuga, fu considerato il primo del calendario musulmano.

IL CORANO
E considerato il libro sacro dell'Islam. In 114 capitoli sono raccolte le rivelazioni che Maometto affermava di aver ricevuto da Dio, per mezzo dell'arcangelo Gabriele. In esso sono confermate le verità del Vecchio e del Nuovo Testamento, ma, a differenza della religione cattolica, sono negate l'esistenza della Trinità e la divinità di Cristo. Secondo Maometto, esiste un Dio unico e Cristo non è che uno dei suoi profeti: solo Maometto ebbe però la rivelazione completa della volontà divina.
Oltre al Corano, vi è un altro libro sacro: la Sunna, nella quale sono raccolte regole di vita ricavate dalle parole e dalle azioni di Maometto. Attraverso l'impostazione di determinate regole, egli voleva introdurre presso il suo popolo abitudini igieniche: così, addesempio, Maometto proibì di bere vino e di mangiare carne di maiale, generalmente grassa, appunto perché vino e carni grasse sono cibi dannosi per chi, come gli Arabi, vive in zone calde.

LE CINQUE COLONNE DELL'ISLAM
Gli atti della religione maomettana sono cinque, « le cinque colonne dell'Islam »:
1) il riconoscimento dell'unicità di Dio e della missione del suo profeta Maometto;
2) la preghiera, che deve essere compiuta cinque volte al giorno, volgendo sempre il capo verso la Mecca: all'alba, a mezzogiorno, nel pomeriggio, al tramonto e alla sera; ogni volta il muezzin annuncia l'ora della preghiera dalla torre delle moschee.
3) il digiuno prescritto nel mese di Ramadan, il nono del calendario musulmano, nel quale Maometto ricevette la prima rivelazione. I fedeli debbono astenersi dal bere, dal mangiare, dal fumare durante il giorno, che deve essere trascorso in preghiera.
4) il pellegrinaggio alla Mecca, che deve essere compiuto almeno una volta nella vita.
5) l'elemosina ai poveri, in segno di devozione e di offerta a Dio. In ogni testamento musulmano vi deve essere infatti un lascito per i poveri.
A questi obblighi si devono aggiungere dei divieti: i musulmani non possono mangiare carne di maiale o di animali morti di morte naturale; non possono bere vino, né giocare d'azzardo. Sono inoltre proibite le immagini che riproducono persone: perciò non esistono né quadri né statue di Maometto. Nel rituale maomettano non vi sono sacerdoti, ma solo predicatori e direttori di preghiera.

(1) Brahmanesimo
(2) Buddismo
(3) Cattolicesimo
(4) Chiesa Copta
(5) Dei greci
e romani
(6) Protestantesimo
(7) Religione
antica Grecia
(8) Religione ebraica
(9) religione
Maomettana
(10) Religone
ortodossa
 
 
 
 
[ Torna in cima alla pagina ] aggiornato il 18-02-2014