Oliver Cromwell

 

Oliver Cromwell (1599-1658) fu una delle più importanti figure della storia inglese, grande generale e lord protettore del Commonwealth, o repubblica, di Inghilterra, Scozia e Irlanda, per cinque anni. Nato a Huntingdon da una famiglia locale, da cui per tradizione provenivano deputati al Parlamento, fu eletto a sua volta deputato per Huntingdon nel 1628 e divenne famoso per i suoi attacchi ai vescovi e alla Chiesa d'Inghilterra. Durante i successivi dodici anni ebbe un ruolo importante negli affari locali dell'Inghilterra orientale e fu scelto come rappresentante di Cambridge (1640) al Lungo Parlamento. Ancora una volta si distinse per i suoi attacchi ai vescovi reclamando la totale abolizione dell'episcopato e battendosi per la purificazione della Chiesa attraverso il ripudio del Book of Common Prayer (Libro delle preghiere comuni), il testo della liturgia luterana introdotto nel 1549, e l'introduzione di nuovi sermoni.
Nell'imminenza della guerra fra re Carlo I e il Parlamento impedì l'invio da Cambridge di argento destinato alle casse del re e inoltre allestì uno squadrone e più tardi un reggimento di cavalleria (che aveva il nome di Ironsides) nella sua città natale, Huntingdon. Nella guerra civile inglese, dopo aver conquistato gran parte dell'East Anglia in favore delle forze parlamentari, Cromwell fu nominato generale di corpo d'armata e contribuì alla vittoria sui realisti nella battaglia di Marston Moor (1644). Nel 1645 prese parte alla decisiva vittoria di Naseby e, in veste di comandante in seconda sotto sir Thomas Fairfox, conquistò Oxford nel 1646 mettendo così fine alla prima guerra civile. Allorché il Parlamento, in gran parte presbiteriano, si pose in contrasto col suo esercito, Cromwell, anche lui un indipendente (congregazionalista), si schierò con i soldati. Dopo aver battuto a Preston e a Warrington gli scozzesi, che si erano alleati con il re, nel 1648, Cromwell proclamò re Carlo responsabile della ripresa della guerra civile ed esercitò pressioni perché fosse processato e giustiziato.
Fra il 1649 e il 1651 Cromwell combattè con successo in Irlanda e in Scozia oliver cromwellprendendo, nel 1650, il posto di Fairfox come comandante in capo. Quando Cromwell si rese conto che il cosiddetto Rump Parliament (che era ciò che rimaneva del Lungo Parlamento dopo la purga dei realisti e dei presbiteriani) non procedeva speditamente con la riforma della Chiesa e dello Stato e si mostrava antagonistico all'Esercito, lo sciolse con la forza e nel 1653 nominò un gruppo di indipendenti (Piccolo Parlamento o di Barebone) con l'incarico di creare una nuova assemblea. Ma i lavori di questa assemblea procedettero con troppa rapidità e in modo troppo estremista, a giudizio di Cromwell. Dopo che anche questo Parlamento fu destituito dei suoi poteri nel dicembre 1653, un gruppo di ufficiali dell'Esercito redasse una Costituzione scritta, il cosiddetto Instrument of Government, in cui si sanciva la nomina di Cromwell a lord protettore, in virtù della quale avrebbe governato il paese affiancato dal Consiglio di Stato e dal Parlamento monocamerale.
Prima della riunione inaugurale del Parlamento protettorale, Cromwell e il suo consiglio realizzarono diverse importanti riforme soprattutto giuridiche. Tuttavia nessuna delle due assemblee approvò molte altre leggi, poiché i loro membri si preoccuparono più che altro di questioni costituzionali. Il suo secondo Parlamento propose di incoronare Cromwell re nel 1657, ma lui rifiutò.
Cromwell aveva contribuito a dar vita a un Esercito di elevata qualità e a una potente marina che guadagnarono al Commonwealth la fama di grande potenza in Europa. L'Inghilterra uscì vincitrice dalla prima guerra anglo-olandese (1652-54) e, grazie alla sua alleanza con la Francia contro la Spagna, conquistò la Giamaica e Dunkerque ponendo così le basi per un impero oltremare. In patria Cromwell riuscì a fondare una Chiesa così aperta da garantire a tutte le fedi cristiane completa libertà di celebrare il culto nelle forme desiderate, anche al di fuori di essa. Il rafforzamento del prestigio nazionale, la tolleranza in materia religiosa, che si estese agli ebrei, ai quali, per la prima volta dal 1290, fu consentito di stabilirsi in Inghilterra, costituirono gli effetti più positivi della sua azione. Cromwell moderò in ultimo la sua intolleranza e, per quanto fosse stato un puritano dichiarato fin dall'età di 30 anni, non mise al bando dalla sua corte né vino, né musica, né danze. Morì il 3 settembre 1658 e gli successe, pacificamente, il figlio Richard Cromwell. Fu sepolto nell'Abbazia di Westminster con una fastosa cerimonia, ma nel 1661 il suo corpo fu dissepolto, impiccato e decapitato per ordine di re Carlo II.

(129) Mosè
(131) Napoleone
(132) Napoleone III
(133) Machiavelli
(134) Nicola Andrea e Giovanni Pisano
(135) Nicolò Copernico
(136) Nino Bixio
(137) Odoacre
(138) Oliver
Cromwell
(139) Ottaviano
e Marco Antonio
 
 
 
[ Torna in cima alla pagina ] aggiornato il 8-10-2014