La storia del rhode island



All'arrivo dei primi europei nel secolo XVI, le tribù Narragansett, Wampanoag ninantic, Nipmuck e Pequeot, (tutte del gruppo Algonquin), abitavano la regione che oggi occupa lo stato del Rhode Island. Nel 1524, l'italiano Giovanni di Verrazano, al servizio della Francia, fu il primo europeo che navigò lungo le coste di questa regione, sebbene alcuni storici credono che fu il portoghese Miguel di Cortereal ad esplorare per primo le coste del Rhode Island nel 1511.

Nel 1636, un gruppo di coloni del Massachusetts guidati da Roger Williams fondarono Providence, il primo insediamento permanente in Rhose Island. Williams ed i coloni che l'accompagnavano avevano abbandonato il Massachusetts alla ricerca di maggiore libertà religiosa. Più tardi vennero fondati nuovi insediamenti: Portsmouth, nel 1638; Newport, nel 1639 e Warwick, nel 1642. Le città citate si unirono nel 1644 per formare una colonia che venne chiamata Piantagioni di Providence, grazie all'autorizzazione concessa dal Parlamento Inglese. Nel 1663, re Carlo II d'Inghilterra concesse al Rhode Island e la colonia delle Piantagioni di Providence un statuto che garantiva la libertà religiosa di queste colonie, e nel contempo rafforzava l'autogoverno. Con l'arrivo massiccio di nuovi coloni, le relazioni con gli indiani si deteriorarono, questo portò ad un conflitto nel 1675 conosciuto come la Guerra di re Filippo.

Durante il diciottesimo secolo la colonia del Rhode Island, prosperò grazie alle piantagioni, dove lavoravano schiavi, ed allo sviluppo del commercio col resto delle colonie nordamericane e dei Caraibi. I prodotti più importanti di questa epoca furono prodotti agricoli, tra essi il formaggio e l'allevamento dei cavalli.

Nel corso del XVIII secolo, il Rhode Island si ribellò alla madrepatria. Così nel 1769, alcuni coloni bruciarono la nave inglese "Liberty", ancorata a Newport, per questo non fu una sorpresa che nel 1775 un gruppo di uomini di questa colonia, guidati da Stephen Hopkins e Nathanael Greene, organizzassero l'esercito e l'armata dei rivoluzionari. Così nel 1776, il Rhode Island fu la prima colonia che dichiarò la sua indipendenza dalla Gran Bretagna. In risposta a ciò, le truppe inglesi occuparono Newport, città che controllarono fino al 1779. Dopo la Guerra d'Indipendenza, il Rhode Island si rifiutò di accettare la Costituzione in disaccordo su alcuni dei suoi articoli. Tuttavia, benché senza un accordo unanime, l'adesione all'Unione avenne nel 1790. Durante il 1841 vi fu un importante conflitto causato dal potere sproporzionato che i proprietari terrieri avevano nella camera legislativa. Quell'anno Thomas Wilson, avvocato di Providence, fece una convenzione col popolo ed elaborò una nuova Costituzione. Immediatamente fu scelto governatore dai suoi sostenitori e cercò di prendere il potere. Più tardi fu sconfitto ed abbandonò il Rhode Island, sebbene vennero portate a termine molte delle sue riforme che i suoi sostenitori promulgavano, e che vennero raccolte in una nuova costituzione nel 1843.

Alla fine del XVIII secolo, la crescita economica del Rhode Island era basata sull'industria tessile, grazie all'abbondanza di fiumi per muovere le industrie, all'ingegno di alcuni dei coloni, (come Samuel Slater che 1790 aveva sviluppato un telaio idraulico), all'abbondanza di cotone proveniente dalle colonie del sud ed alla vicinanza di mercati come Boston e New York. Nel 1807, il divieto di importazione di tessuti inglesi dettato da Jeffreson, favorì ancora di più gli interessi degli industriali di questo stato. Un'altra delle attività che iniziò a svilupparsi alla fine del secolo XVIII fu l'industria della gioielleria, grazie al sistema inventato in quell'epoca che permetteva la doratura. Assieme a queste industrie, in Newport, Warren e Providence si sviluppò una prospera industria baleniera che sosteneva la produzione di olii e candele. Durante la Guerra Civile non si ebbero scontri armati in questo stato, sebbene più di 24.000 uomini parteciparono al conflitto, (tra essi il generale Ambrose E. Burnside), e la sua industria fu determinante nella fornitura degli eserciti dell'Unione. Le due guerre mondiali riuscirono a stimolare l'industria del Rhode Island grazie al potente settore navale. Dopo la seconda guerra mondiale, molte delle industrie dello stato si riconvertirono in quelle dei settori chiave della sua economia di oggi, come il chimico.

Home > Stati degli Stati uniti > Rhode Island > Storia Rhode Island
 
 
aggiornato il 3-12-2011
top