La storia dell'Oklahoma



Reperti archeologici rinvenuti nel territorio oggi occupato dallo stato dell'Oklahoma, mostrano che la regione era abitata gia 15.000 anni fa. I primi europei, che esplorarono l'Oklahoma furono Francisco Vazquez de Coronado e Hernando de Soto, al comando di differenti spedizioni nel 1541. Da allora, praticamente tutte le spedizioni che si diressero nel Kansas e nel Nebraska attraversarono il territorio che oggi occupa lo stato dell'Oklahoma, tra esse quelle di Frate Juan di Padilla, Juan di Oñate, Pedro de Villazur. Nel 1682, il francese La Salle che era partito dal Canada, navigò lungo il fiume Mississippi fino al golfo del Messico. Poco più tardi reclamò il territorio che includeva l'Oklahoma, in nome di Luigi XIV di Francia e in suo onore battezzò questa estesa provincia col nome di Louisiana. Nel 1763, con il Trattato di Parigi, la Louisiana fu ceduta alla Spagna fino al 1800 quando Napoleone obbligò la Spagna alla sua restituzione. Tuttavia, nel 1803, la Francia vendette questo territorio agli Stati Uniti in un'operazione ideata da Thomas Jefferson che fu il primo passo dell'espansione nordamericana verso ovest.

Una volta che gli Stati Uniti acquisirono la Louisiana, il Congresso procedette all'organizzazione amministrativa di questa vasta provincia. Così, nel 1812 l'Oklahoma era compreso nel territorio del Missouri. Poco dopo, questa regione venne assegnata al territorio dell'Arkansas, ed una parte fu restituita alla Spagna per risolvere disaccordi sulla definizione delle frontiere. A dispetto di questi cambiamenti amministrativi, Oklahoma non catturò l'interesse dei coloni, per questo non si costruirono insediamenti durante la maggior parte del secolo XIX. Questo spiega, perchè questo territorio fu disegnato nel 1828 come sito per trasferire le differenti tribù indiane, che venivano a poco a poco spostate dai propri territori dell'est. Così, tra il 1830 e 1842 furono portati nell'est dell'Oklahoma gli indiani delle tribù Cherokee, Chickasaw, Chotaw, Creek e Seminola (chiamate "Cinque Tribù Civilizzate") ed ad essi fu garantita la proprietà di questi territori 'finché cresce l'erba e corrano i fiumi.' Il territorio che era stato garantito loro, fu qualificato dal Congresso degli Stati Uniti come territorio Indiano. Verso la fine del secolo XIX furono trasferite in Oklahoma più di sessanta tribù differenti.

Durante la Guerra Civile (1860-1865), alcune tribù si allearono coi confederati poiché alcune di esse erano schiaviste. Tra i più famosi personaggi di questo periodo fu l'indiano cherokee Stand Watie che arrivò al rango di generale dell'esercito della Confederazione. Numerose battaglie si ebbero nella regione. Nel 1863, le truppe dell'Unione riuscirono a controllare gran parte del territorio prendendo Fort Gibson. Dopo la guerra le relazioni tra il governo degli Stati Uniti e le tribù del territorio Indiano, cambiarono drasticamente, poiché essi furono obbligati a rinunciare a gran parte delle terre concesse nei trattati del 1824. La costruzione della ferrovia e l'intensificazione della presenza di bestiame bovino che veniva trasferito dal Texas al Kansas, spiega l'interesse dei coloni per questa zona. In effetti, la Chisholm Road, una strada tra le più importanti nel commercio del bestiame, attraversava il territorio Indiano. Gli insediamenti di coloni nei territori indiani iniziarono nel 1879, malgrado la legge federale lo proibisse. Nel 1889, il Congresso autorizzò l'esproprio di parte del territorio Indiano per essere assegnato ai coloni. Il territorio fu diviso in lotti che i coloni dovevano occupare e registrare per poter reclamare così la loro proprietà. La zona ovest dell'Oklahoma, dopo questa rapida colonizzazione, si organizzò come territorio nel 1889. Il passo seguente, l'ammissione come stato dell'Unione, dovette affrontare diversi problemi poiché gli indiani desideravano creare un stato indipendente, mentre i coloni bianchi volevano unire i due territori, il territorio dell'Oklahoma ed il territorio indiano. Ancora una volta, i desideri degli indiani non vennero realizzati e nel 1907 l'Oklahoma fu ammesso come stato nella federazione.

L'Oklahoma ha dipeso economicamente dalle sue risorse agricole e minerarie, particolarmente, dal petrolio e gas naturale il cui sfruttamento commerciale iniziò nel 1897. Durante il decennio del 1930, la grande siccità e gli effetti della crisi finanziaria, provocarono un'emigrazione massiccia, diretta soprattutto verso lo stato della California. L'inizio della Seconda Guerra Mondiale, come accadde nel resto degli Stati Uniti, riuscì ad attivare l'economia dell'Oklahoma grazie alla riconversione verso attività industriali come l'elettronica e la fabbricazione di componenti per l'industria aeronautica. La costruzione di un complesso sistema di canali ha permesso di realizzare un antico progetto, la navigazione tra i fiumi Arkansas e Mississippi. Ciò ha contribuito allo sviluppo del tessuto industriale dello stato ed al miglioramento della sua capacità commerciale. A dispetto di tutti questi miglioramenti continua ad esistere in Oklahoma un'eccessiva dipendenza dal settore petrolifero che le autorità dello stato tentano di affrontare con piani ed incentivi per una maggiore diversificazione industriale.

Home > Stati degli Stati uniti > Oklahoma > Storia Oklahoma
 
 
aggiornato il 2-12-2011
top