La storia del missouri



I primi europei che esplorarono questo territorio furono i francesi Jacques Marquette e Louis Jolliet, che si addentrarono nella valle del Mississippi nel 1673. Nel 1682, La Salle reclamò per la Francia le terre attraversate dai fiumi Mississippi e Missouri, territorio non completamente definito, al che battezzò col nome del Louisiana in onore di re Luigi XIV. Nel 1700, missionari francesi fondarono un insediamento vicino a Saint Louis. A questo seguirono altre enclavi come Sainte Genevieve. Nel 1764, Pierre Liguest e René August Choutenau fondarono la città di Saint Louis.

Col Trattato di Parigi del 1763, il territorio della Louisiana, a ovest del Mississippi passò alla Spagna e, di conseguenza, il Missouri fu amministrato fino al 1800 dai funzionari spagnoli. Durante questo periodo venne incoragiata la colonizzazione del territorio, per questo negli ultimi decenni del secolo XVIII arrivarono numerosi coloni dalle colonie del sud, molti di essi coi loro schiavi. La Guerra d'Indipendenza non influenzò il Missouri le cui principali enclavi furono fortificate dagli spagnoli in previsione di un possibile attacco britannico, che si verificò senza conseguenze, contro la città di Saint Louis. Nel 1800, Napoleone chiese alla Spagna la sua antica colonia della Louisiana, e la Spagna, invasa dalle truppe francesi, non ebbe altra scelta che accettare. Tre anni più tardi, tuttavia, la Francia dovette vendere la colonia agli Stati Uniti nell'operazione, promossa da Thomas Jefferson conosciuta come la 'Acquisizione della Louisiana' (Louisiana Purchase). Dopo questa acquisizione, il governo degli Stati Uniti organizzò una serie di spedizioni per tracciare mappe e per conoscere le risorse dei territori, tanto di quelli annessi, come di quelli al di la di questi confini. Così, in pochi anni Saint Louis divenne il punto di partenza di numerose spedizioni verso ovest, come quelle di Lewis e Clark (1804-1806), Zebulon Pike, 1805-1806, e Stephen Long (1819).

Nel 1812, il Congresso degli Stati Uniti riorganizzò i territori sotto la sua amministrazione. In quel momento creó il territorio del Missouri che incluse lo stato attuale dell'Arkansas fino al 1819. Durante quegli anni furono frequenti gli scontri tra coloni e indiani, incoraggiati questi ultimi dagli inglesi. I britannici avevano iniziato le ostilità per cercare di recuperare le loro antiche colonie, ed avevano trovato nelle tribù scontente, alcuni indiscutibili alleati. Gli indiani, in questo modo, diventarono un ostacolo per la colonizzazione fino al 1836, quando gli americani li trasferirono nelle riserve dello stato di Oklahoma. Nel 1818, il Missouri sollecitò la sua ammissione nell'Unione come stato schiavista, ma questa circostanza ritardò la sua integrazione. In effetti, per evitare di squilibrare il sistema di potere nelle camere legislative degli Stati Uniti, dovette firmare il Compromesso del Missouri per il quale venne stabilito che i nuovi soci venissero ammessi due a due, uno stato schiavista ed un altro libero. Perciò, il Missouri dovette attendere che si approvasse l'ammissione di un stato con una costituzione non schiavista, in questo caso il Maine. Così, nel 1821, il Maine e il Missouri vennero integrati contemporaneamente come nuovi stati degli Stati Uniti.
Le attività economiche più importanti del Missouri furono il commercio di pelli, la coltivazione del cotone, l'allevamento e gli sfruttamenti minerari, soprattutto di piombo e zinco. Saint Louis fu per molti anni il centro economico dello stato, fino a quando venne terminata la linea ferroviaria che univa Santa Fe con l'Oregon, per questo il centro commerciale della regione divenne Kansas City.

Durante la Guerra Civile, il Missouri era a favore dell'Unione, ma il governatore di questa regione, Clairborne Fox Jackson, esortò i cittadini ad opporsisi alle truppe federali che entrarono in Missouri nel 1861. Jackson fu deposto, ma questa azione esemplifica la grande divisione che esisteva sul tema dello schiavitú in Missouri, uno stato dove 110.000 uomini lottarono per l'Unione e 40.000 optarono per difendere la Confederazione. Le molte battaglie che furono combattute nel territorio del Missouri, contribuirono a trasformare lo stato nel massimo esempio di barbarie ed ingiustizia. Il conflitto ebbe una tale influenza in Missouri, che venti anni dopo la fine del conflitto, in Missouri si continuava a vivere in un ambiente di guerra, con un alto tasso di criminalità.

La Prima Guerra Mondiale portò una grande prosperità per l'economia del Missouri poiché difficilmente la sua produzione industriale, agricola e mineraria poteva coprire le domande sia degli Stati Uniti come dei paesi europei coinvolti nel conflitto. La prosperità terminò con la fine della guerra, poiché le crisi economiche seguenti colpirono il Missouri così come il resto degli stati che dipendevano in larga misura dalle attività primarie. La Seconda Guerra Mondiale permise a questo stato di uscire dalla profonda crisi, permettendo al Missouri di diversificare le sue industrie, produzione di materiale elettronico, fabbricazione di materiale aeronautico ed il trattamento dell'uranio principalmente.


Home > Stati degli Stati uniti > Missouri > Storia Missouri
 
 
aggiornato il 1-12-2011
top