La storia dell'Iowa



Resti archeologici dimostrano che la presenza umana nel territorio dell'Iowa risale a 12.000 anni fa. Le tribù indiane che abitarono questa regione quando arrivarono i primi europei, furono gli Iowa, gli Illinois e i Sioux. Nel 1673, i francesi Jacques Marquette e Louis Jolliet esplorarono l'Iowa durante il loro viaggio nel bacino del Mississippi. Nel 1680, La Salle reclamò il territorio per la Francia, come parte della colonia della Louisiana. Nel 1763, la Francia cedètte alla Spagna i territori a ovest del Mississippi. Tuttavia, fu il franco-canadese Julien Dubuque, nel 1788, quello che fondò il primo insediamento europeo nel territorio degli indiani Fox per lo sfruttamento delle miniere di piombo. Nel 1800, la Spagna restituì la Louisiana alla Francia, e tre anni dopo Napoleone accettò di vendere questa colonia agli Stati Uniti. Nel 1805, il governo federale creó il territorio della Louisiana che includeva l'Iowa. Quando nel 1812 la Louisiana divenne uno stato, l'Iowa venne incorporato al territorio del Missouri.

L'ammissione del Missouri come stato nel 1821 provocò una nuova riorganizzazione del territorio amministrato dal governo federale. La maggior parte dell'attuale stato dell'Iowa rimase per anni una regione chiusa ai coloni, finchè nel 1832 gli indiani furono espropriati delle loro terre, e trasferiti in Illinois, e nella regione occidentale dell'Iowa. Nel 1834, questa regione venne integrata nel territorio del Michigan, e due anni più tardi in quello di Wisconsin. Finalmente, l'Iowa riuscì ad avere una propria giurisdizione nel 1838; il primo passo per l'adesione all'Unione, che avenne nel 1846.

La maggior parte dei primi coloni dell'Iowa erano agricoltori americani di origine britannica e protestanti, che venivano da Indiana, Ohio, Tennessee, Virginia, New York, Carolina e dal New England. Durante la guerra civile (1861-1865), l'Iowa si dichiarò fedele all'Unione. La costruzione della ferrovia nel 1867 tra il fiume Mississippi e Council Bluffs, e di altre tre linee ferroviarie nel 1870, permisero un notevole sviluppo dell'economia agricola dello stato.

La Prima Guerra Mondiale ebbe un enorme impatto in Iowa. Da una parte, permise un'enorme espansione del settore agricolo durante gli anni della guerra e quelli della ricostruzione in Europa, data la grande domanda di prodotti agricoli. Ciò provocò l'indebitamento di molti agricoltori, che acquistarono durante gli anni del boom, nuove terre per poter coprire la crescente domanda. La crisi economica iniziata negli anni 20, coincise con una saturazione dei mercati, dei prodotti agricoli dell'Iowa, una volta che gli agricoltori europei avevano normalizzato la produzione, e l'Europa non dipendeva più dalle importazioni americane. Come conseguenza, molti agricoltori dell'Iowa persero le loro proprietà, incapaci di fare di fronte ai pagamenti delle ipoteche.

La seconda guerra mondiale riuscì a rilanciare l'economia dello Stato (come è successo nella maggior parte degli Stati Uniti), che, si diversificò, con lo sviluppo di industrie che operano principalmente nel settore della trasformazione dei prodotti agricoli e la costruzione di macchinari per le attività del principale settore dell'economia dello stato, l'agricoltura.


Home > Stati degli Stati uniti > Iowa > Storia Iowa
 
 
aggiornato il 30-11-2011
top