La storia dell'Idaho



I primi colonizzatori dell'Idaho arrivarono in questo territorio 10.000 anni fa. Varie furono le tribù indiane che abitavano in questa regione durante il XIX secolo: Shoshone, Coeur d'Alene, Pend d'Oreille, Kutenai, Bannock, Paiute e Nez Perce.

L'Idaho che formava parte del territorio dell'Oregon contestato da francesi, spagnoli, inglesi e nordamericani, fu esplorato da Lewis e Clark nel 1805 durante la spedizione organizzata dal presidente Jefferson. Questa spedizione cercava di conoscere il territorio della Louisiana, (acquisita nel 1803 dalla Francia), e la regione inesplorata che si estendeva dai limiti del nuovo territorio statunitense fino alla costa del Pacifico.

Il territorio dell'Idaho è stato il sito dei commercianti di pellicce, attività dei primi decenni del XIX secolo. Più tardi, nel 1842, l'Idaho fu un punto di transito nella rotta verso l'Oregon, ma nonostante ciò pochi coloni decisero di stabilirsi nel suo territorio. Col Trattato dell'Oregon, firmato da Stati Uniti e Gran Bretagna nel 1846, l'Idaho venne integrato negli Stati Uniti. Per anni, la regione che forma lo stato dell'Idaho fu diviso tra i territori dell'Oregon e di Washington. Quando nel 1859 l'Oregon fu ammesso come stato nell'Unione, l'Idaho passò a fare parte del territorio di Washington.

Nel 1860 iniziò la colonizzazione di questa regione con la fondazione di Franklin da parte di coloni mormoni provenienti dallo Utah. Tuttavia, fu la scoperta dell'oro nel nord dell'Idaho nel 1860 quello che provocò l'arrivo massiccio di europei, questo causò immediatamente conflitti con le tribù indigene. Così, nel 1877 scoppiò la guerra con i Nez Perce e un anno dopo con Bannock. Di conseguenza, le tribù indiane furono confinate nelle riserve.

La scoperta del piombo e dell'argento nel decennio del 1880 provocò una nuova crescita della popolazione dell'Idaho, un fatto che permise che il territorio diventasse uno stato a partire dal 1890. I primi anni dell'Idaho come stato furono tumultuosi, poiché sorsero gravi conflitti per il controllo del potere. Le lotte politiche tra mormoni e non mormoni, e le dispute per i diritti di sfruttamento delle risorse minerarie, caratterizzarono la vita politica e sociale durante i primi decenni del ventesimo secolo. Come esempio, dopo l'assassinio nel 1905 del governatore Frank Steunenberg le investigazioni ed i procedimenti giudiziali svelarono, l'implicazione delle compagnie minerarie nel crimine.

Durante il XX secolo, prosperò anche l'agricoltura grazie alle opere di irrigazione. L'Idaho, tuttavia, soffrì una recessione economica durante gli anni successivi alla Prima Guerra Mondiale e, soprattutto, durante la crisi generale nel paese degli anni 30, e fino all'inizio della seconda guerra mondiale quando l'Idaho fu in grado di rilanciare sua economia.

Nel 1949 si costruì ad Idaho Falls un impianto nucleare per la produzione di energia elettrica, (National Testing Reactor Station), un progetto pionieristico negli Stati Uniti. A partire dal 1970 la popolazione dell'Idaho crebbe rapidamente grazie alla proliferazione di nuove industrie, mentre l'agricoltura (in particolare la coltivazione di patate), ed il settore minerario, hanno continuato ad essere di vitale importanza. Lo sviluppo del turismo nello stato, soprattutto per il successo della stazione sciistica di Sun Valley, e dei suoi parchi naturali, hanno permesso una notevole crescita economica durante gli ultimi decenni del ventesimo secolo.


Home > Stati degli Stati uniti > Idaho> Storia Idaho
 
 
aggiornato il 30-11-2011
top