La storia della sardegna

STORIA SARDEGNA - CARTAGINESI E ROMANI
Statuette e suppellettili di stile fenicio, rinvenute durante gli scavi archeologici compiuti in Sardegna, ci attestano chiaramente che l'isola fu abitata dai Fenici. È stato accertato che i primi coloni fenici si stanziarono in Sardegna intorno al VII secolo avanti Cristo.
Come era nelle loro abitudini, questi audaci navigatori del Mediterraneo vi fondarono alcune colonie. Tra queste le più importanti furono Kàralis (la odierna Cagliari) e Nora.
Nel secolo successivo, e cioè nel VI avanti Cristo, la Sardegna assunse una notevole importanza ne! Mediterraneo. Ciò fu dovuto al fatto che i Fenici di Cartagine, che rivaleggiavano coi Greci per il dominio sull'isola, ne fecero uno dei loro maggiori centri commerciali e militari. Sorsero così lungo la costa e nell'interno altre grandi colonie, come Sulcis, Tharros, Còrnus, Turris (l'attuale Porto Torres) ed Olbia. Alla dominazione dei Cartaginesi, che durò circa 300 anni, successe nell'isola quella romana (anno 238 avanti Cristo). Con le sue leggi, la sua lingua e le sue grandiose opere pubbliche (strade, ponti, anfiteatri, acquedotti, templi, ecc.) Roma diede alla Sardegna tutto un nuovo aspetto.
Gli abitanti dell'isola, dapprima ostili ai Romani, finirono con l'apprezzarne la civiltà e con l'essere fieri di appartenere all'Impero Romano.

STORIA SARDEGNA - GOVERNO INDIPENDENTE
Caduto l'Impero Romano d'Occidente (anno 476 dopo Cristo), la Sardegna fu contesa dai i Vàndali (un popolo barbaro che si era stanziato nell'Africa settentrionale) e l'Impero Bizantino. I Vàndali, che riuscirono a impossessarsi dell'isola durante la metà del V secolo, ne vennero scacciati dai Bizantini nel 534. La dominazione bizantina non fu migliore di quella dei Vàndali: infatti, se questi furono soltanto intenti a depredare, i Bizantini non si curarono affatto delle necessità del popolo e lo oppressero con fortissime tasse.
Quando nel IX secolo dopo Cristo i Bizantini abbandonarono l'isola, i sardi ne approfittarono per costituire un governo indipendente. Divisero l'isola in quattro regioni o giudicati (di Arborea, di Gallura, di Torres e di Cagliari) e a capo di ciascuno di essi posero un giudice. I sardi godettero dell' autonomia fino al secolo XIV, quando Pisa si impossesso di quasi tutta l'isola.

STORIA SARDEGNA - ARAGONESI E SPAGNOLI
Erano appena arrivati i pisani, che i sardi dovettero subire a un'altra invasione: da parte degli Aragonesi . In tre anni di guerra (dal 1323 al 1326), Don Alfonso d'Aragona riuscì ad impossessarsi dell'isola dopo averne scacciato i pisani.
Dispotico e noncurante delle necessità del popolo, il governo degli Aragonesi fu subito malvisto dagli abitanti dell'isola. Per oltre mezzo secolo i sardi lottarono disperatamente per liberarsi dall'oppressore.
Ma ogni loro ribellione venne repressa con la forza.
Quando nel 1479 i due reami d'Aragona e di Castiglia formarono il Regno di Spagna, la Sardegna passò sotto la dominazione spagnola.
Gli unici benefìci che ottenne l'isola durante i duecento anni di malgoverno spagnolo furono l'introduzione della stampa e l'istituzione delle Università di Cagliari e di Sassari.

STORIA SARDEGNA - I SAVOIA
La lunga serie delle dominazioni straniere doveva ancora continuare. Nel 1713, in seguito all'esito della guerra di successione spagnola, la Sardegna passò agli Austriaci. Ma cinque anni dopo, essa venne assegnata, in cambio della Sicilia, a Vittorio Amedeo II di Savoia, il quale assunse il titolo di re di Sardegna.
Sotto la Casa di Savoia, e specialmente durante i regni di Carlo Emanuele III (1730-1773), Carlo Felice (1821-1831) e Carlo Alberto (1831-1849), le condizioni della Sardegna furono migliorate da una serie di beneficile riforme: politiche, amministrative e sociali.
Dal 1848, anno in cui scoppiò la prima guerra per l'indipendenza, il Regno di Sardegna ebbe una parte di prim'ordfne nella storia del Risorgimento. Nel 1861, la Sardegna entrò a far parte del nuovo Regno d'Italia. E da quell'anno la sua storia si identifica con quella dell'Italia.

STORIA SARDEGNA - REGIONE AUTONOMA
Dal febbraio del 1948 la Sardegna è costituita in Regione Autonoma. Ciò significa che pur facendo parte dell'Italia, essa si amministra da sé secondo un suo particolare statuto.

 

Home > Italia > Sardegna > Storia della Sardegna

 
 

aggiornato il 19-07-2011
top