Ricerca personalizzata
 
 
 

Friuli Venezia Giulia


Hotel e agriturismo in Friuli Venezia Giulia
www.hotelfriuli.it/
friuliveneziagiulia.info
hotel.italiaabc.it
www.hotelsweb.it
www.secerchitrovi.com
www.emmeti.it
agriturismofvg.com
www.agriturismo.it
www.agriturist.it
agriturismo-on-line

Link Friuli Venezia Giulia
www.regione.fvg.it/
www.turismofvg.it/
friuliveneziagiulia.info/
www.friuli.net/
www.osmer.fvg.it/
www.madeinfriuli.com

Siti Unesco
Area Archeologica e Basilica Patriarcale di Aquileia

Ricette regionali
Friulane

uffici ice Friuli Venezia Giulia
Ufficio di Trieste

Quotidiani online Friuli Venezia Giulia
ilpiccolo.gelocal.it/
www.ilfriuli.it


 

STORIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA | LUOGHI TURISTICI

DATI FISICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

SEBBENE SIA una delle più piccole regioni d'Italia, il Friuli-Venezia Giulia è fàsicamente una delle più varie e interessanti.
Prima della seconda guerra mondiale questa regione aveva una superficie di circa 16 000 chilometri quadrati. Ora, in seguito alla cessione di una parte del suo territorio alla lugoslavia, si è ridotta a poco più di 7600. Tuttavia, anche in un territorio così limitato, è possibile ritrovare tutti gli aspetti fisici che la regione presentava quando era più estesa.
LA ZONA ALPINA
Se osserviamo una carta fìsica della regione, non ci è difficile distinguere tre zone ben distinte. Due di esse sono montuose (le Alpi e le Prealpi), l'altra è costituita da un territorio pianeggiante. La più elevata catena montuosa della regione è costituita dalle Alpi Carniche. Sebbene non raggiungano grandi altitudini (sono quasi prive di ghiacciai), esse sono piuttosto impervie. La cima più alta di questa catena montuosa è il Monte Coglians, di 2780 metri.
I versanti meno ripidi delle Alpi Comiche sono in genere ricoperti da fìtti boschi e da estesi pascoli. A sud si elevano le Prealpi Carniche e le Prealpi Giulie. Le prime hanno forme aspre e aspetto simile a quello delle Dolomiti. La vetta più alta delle Prealpi Comiche è la Cima dei Preti, di 2703 metri. Tra i fiumi Livenza e Isonzo si estende una zona collinosa coltivata a vigneti e ad alberi da frutta.
LA «BASSA» E L'«ALTA» PIANURA
Così è suddivisa la zona pianeggiante della regione. L'« alta » pianura, ossia la zona ai piedi delle colline, è piuttosto arida e quindi poco adatta alle coltivazioni. Infatti, a causa della grande permeabilità del suolo, le acque dei fiumi scompaiono, infiltrandosi nel sottosuolo.
I terreni dell'alta pianura vengono chiamati « magrédi ». Tale nome definisce chiaramente la natura del suolo di questa zona. Del tutto diversa è invece la « bassa » pianura. Essa è ricca di acque ed ha suolo molto fertile. I fiumi di cui abbonda questa zona sono gli stessi che nell'alta pianura scorrono nel sottosuolo.
Il territorio in cui questi fiumi sotterranei riaffiorano è chiamato « zona delle resorgive.

POCHI E PICCOLI LAGHI
II Friuli Venezia Giulia non è ricco di laghi. La maggior parte di essi si trovano sulle Alpi Carniche e sono di piccole dimensioni. Il Lago di Promòsio si trova a circa 2000 metri di altitudine.
Il Lago di Cavazzo, nella provincia di Udine, è uno dei più profondi della regione (massima profondità circa m 40). Nelle vicinanze di Tarvisio ci sono i 2 laghi di Fùsine; quello inferiore, è caratteristico per il colore azzurro delle sue acque.

I FIUMI
II fiume più lungo del Friuli è il Tagliamento (km 170). Dopo la cessione alla Jugoslavia di gran parte del territorio giuliano, il fiume Isonzo, il più importante della regione, scorre per molti chilometri in territorio straniero. Alcuni fiumi che hanno la loro origine nella zona delle resorgive sono navigabili da piccole imbarcazioni. Tra questi, i più ricchi di acque sono lo Stella, il Lémene, il Corno e l'Aussa.
COSTE LAGUNOSE
Dalla foce del Tagliamento fino quasi a quella dell'lsonzo, le coste della regione sono orlate di lagune.
Le più estese sono quelle di Maràno e di Grado. Queste due lagune sono collegate alla grande Laguna Veneta per mezzo di alcuni canali interni.

Economia

L'economia della regione è caratterizzata da forti squilibri, Ai centri industriali della costa e della pianura si contrappongono infatti le povere zone agricole della montagna e della collina. Il disastroso terremoto del 1976, che ha colpito proprio i centri più arretrati, ha aumentato il forte divario. Il terreno non è molto fertile. Prevalgono le colture di cereali e di alberi da frutta, mentre la produzione di vino è piuttosto modesta. Fiorente è invece l'allevamento dei bovini e degli ovini. L'industria è in crescente sviluppo e si concentra prevalentemente nelle città di Pordenone (meccaniche ed elettromeccaniche) e di Trieste (cantieri navali e complessi siderurgici). Piccole industrie alimentari, tessili e centri di lavorazione artigianale si distribuiscono sul resto del territorio.



Home > Italia > Friuli Venezia Giulia
 
 
 

aggiornato il 9-04-2012
top