Ricerca personalizzata
 
 
 

emilia romagna


Hotel e agriturismo in Emilia Romagna
hotel.italiaabc.it
www.initalia.it
www.adriacoast.com
www.spiaggiaromea.it/
www.emiliaromagna.info
www.viagginrete-it
www.agriturismo.it
agriturismo.emilia
agriturismoemiliaromagna
www.montevalbelle.it/

Link Emilia Romagna
regione.emilia-romagna
emiliaromagnaturismo
visitemiliaromagna.com
emiliaromagnasociale.it
emiliaromagnateatro
www.cartellone.emr.it
emiliaromagnaterme.it/
www.ermesagricoltura.it

Siti Unesco
(1)Cattedrale, Torre Civica e Piazza Grande, Modena
(2) Monumenti paleocristiani di Ravenna
(3)Ferrara, città del Rinascimento e il suo Delta del Po

Ricette regionali
Emiliane

uffici ice Emilia Romagna
Ufficio di Bologna

Quotidiani online
Emilia Romagna
ilrestodelcarlino
www.gazzettadireggio.it/
www.lanuovaferrara.it/
www.liberta.it/
ilnuovo.redaweb.it/
www.gazzettadiparma.it/
gazzettadimodena
bologna.repubblica.it/


 

STORIA DELL'EMILIA ROMAGNA | LUOGHI TURISTICI

DATI FISICI DELL' EMILIA ROMAGNA

I confini dell'Emilia Romagna si estendono per 1144 km di cui 1088 sono terrestri e 136 sono marittimi. L'Emilia confina con sei regioni (Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana, Marche), il mare Adriatico e uno... Stato estero : San Marino.
IL NOME.
Il nome di questa regione deriva da quello della Via Emilia, la strada che vi fu tracciata dal console romano Paolo Emilio Lepido dopo la II Guerra Punica per congiungere Ariminium (l'attuale Rimini) a Placentia (l'attuale Piacenza). Lungo questa via, ancor oggi una delle più importanti d'Italia.
Il territorio della regione risulta morfologicamente distinto in due parti: la fascia appenninica e collinare a sud ovest e quella di pianura a nord est, che termina sul corso del Po.
La fascia appenninica (Appennino tosco-emiliano), allineata in direzione nord-ovest sud est, si presenta come una successione di monti: Lesima (1725 m), Penna (1735 m), Maggiorasca (1799 m), Alpe di Succiso (2017 m), Cusna (2121 m), Giovo (1991 m), Cimone (2165 m), Falterona (1654 m), Fumaiolo (1407 m).
I fiumi dell'Emilia sono assai più ricchi di acque in inverno che in estate ; essi non sono alimentati da acque prodotte dal disgelo estivo dei ghiacciai, come avviene per i fiumi alpini, ma da acque piovane; e le pioggie, in questa regione, sono assai frequenti in autunno ed in inverno. il contrario di quanto accade per i fiumi alpini i quali sono molto ricchi di acque in primavera ed in estate, stagione in cui avviene il disgelo dei ghiacciai. Dei fiumi emiliani la Trebbia, il Taro, il Parma, l'Enza, la Secchia, il Panaro sono affluenti di destra del Po; il Reno, il Lamone, i Fiumi Uniti (Montone e Ronco), il Savio, la Marecchia sboccano direttamente nell'Adriatico. Sono tutti fiumi con portata d'acqua variabilissima, a corso assai ripido, dall'aspetto in gran parte selvaggio e sempre carichi di detriti.
II maggiore è il Reno (km 211) ; come altri fiumi dell'Emilia ha le sue sorgenti in territorio toscano, più vicine al Tirreno che all'Adriatico.

Nella provincia di Ferrara, in prossimità della costa, si trova una vasta e caratteristica laguna.
Le sue acque si estendono per circa 407 kmq e sono separate dal mare da una fascia di terra (detta cordone litoraneo) larga in media 2 km.
Anche all'interno della laguna vi sono numerose strisce di terra che la intersecano in ogni senso ; alcune sono argini di antichi fiumi, altre sono la sommità di dune. La laguna rimane così suddivisa in una serie di conche che vengono dette « valli ». Dal nome di un paese vicino, questa laguna prende il nome di Valli di Comacchio.
II Po, continuando a versare nel mare Adriatico i suoi detriti, provoca un continuo avanzamento, non solo del proprio delta, ma anche della costa emiliana. Infatti parte di questi detriti vengono raccolti dalla corrente litoranea adriatica che scende da nord verso sud : essa li deposita lungo la costa che si trova a sud del delta ; ricevendo questi nuovi materiali, la costa si è estesa continuamente, avanzando nel mare Adriatico. Nella sua avanzata, la linea di costa lascia talvolta dietro di sé, dove esiste un avvallamento, una « sacca » di acqua marina, che si trasforma in laguna. Così si sono formate le Valli di Comacchio.

Economia

L'ampia e fertile pianura permette coltivazioni molto redditizie. L'agricoltura è condotta con criteri moderni e numerosi macchinari sostituiscono in parte il lavoro dell'uomo. L'Emilia-Romagna detiene il primato assoluto in Italia per la produzione di frumento, di barbabietole da zucchero e di frutta. Molto diffuse sono anche le colture di riso, di ortaggi e della vite. Il fiorente allevamento di bovini e di suini alimenta la produzione di carni, latte, formaggi e salumi. Non a caso l'Emilia-Romagna gode di una lunga tradizione di buona cucina e noti sono i formaggi (parmigiano-reggiano), gli zamponi di Modena, i prosciutti di Parma e le mortadelle di Bologna, La maggior parte delle industrie è formata da piccole e medie imprese che lavorano nel settore alimentare, tessile, meccanico e chimico (produzione di fertilizzanti). Grandi imprese industriali si trovano a Ravenna e a Ferrara dove sono sorti impianti per la lavorazione dei gas naturali. Negli stabilimenti della Ferrari, a Maranello, in provincia di Modena si fabbricano autovetture sportive famose in tutto il mondo.
Le città sorgono lungo la Via Emilia, l'antica strada di origine romana che costituisce il centro economico e commerciale della regione.
L'Emilia-Romagna è ai primi posti anche nel settore turistico grazie alle lunghe spiagge della Riviera adriatica e agli attrezzati centri balneari.



Home > Italia > Emilia Romagna
 
 
 
aggiornato il 9-03-2012
top