Home > Europa > Londra > Regno Unito

Regno Unito dati generali

Fuso orario

1 ora in meno dell' Italia

Indirizzi internet

.uk

Ordinamento

Monarchia costituzionale

Città Principali regno unito

Manchester, Birmingham, Leeds, Liverpool, Edimburgo, Glasgow.

SuperficIe

244.064 km² 

popolazione

60.000.000 abitanti circa

religioni

Protestante, Cattolica.

densità

245,8 ab./ km² 

 

Clima e aspetti territorio Regno Unito

L'Gran Bretagna è uno stato dell'Europa del Nord situato sull'arcipelago delle isole Britanniche. Le sue coste sono bagnate, dal Mare del Nord a est e a nord, a sud dal canale della Manica, a sud ovest dal Mare d'Irlanda e dal Mar Celtico, e a nord ovest dall'oceano Atlantico.
Nell'era primaria, circa 250 milioni d'anni fa, le attuali Isole Britanniche erano allacciate al continente europeo. In seguito, per gli sconvolgimenti tellurici della crosta terrestre, gran parte del loro territorio si abbassò e le acque lo ricoprirono in parte formando, i mari che ora separano le Isole Britanniche dal continente. Le Isole Britanniche sono costituite dalla Gran Bretagna, l'Irlanda e numerose altre piccole isole in parte raccolte in arcipelaghi (Ebridi, Orcadi, Shetland). Tutte queste isole sorgono o nell'Atlantico o nel Canale della Manica (Jersey, Guernsey), nessuna nel Mare del Nord.
Le Isole Britanniche abbondano di baie e di porti avendo coste assai frastagliate. La Gran Bretagna, che impropriamente chiamiamo Inghilterra, è la più grande isola d'Europa (kmq 218 000). Essa si divide in tre grandi regioni che, anticamente, erano paesi indipendenti : Scozia a nord, Inghilterra al centro e a sud, Galles nella parte centro - occidentale. Gran Bretagna e Irlanda del Nord formano il Regno Unito.
Fra il Capo Land's End (Fine della Terra) e Dover, le coste sono alte, rocciose e molto frastagliate, mentre quelle del Mare del Nord sono piuttosto basse e con poche insenature ; i fondali sono poco profondi. Le maggiori insenature sono la foce del Tamigi e il Wash. Le coste scozzesi del Mare del Nord sono anch'esse molto alte, rocciose e ricche d'insenature, molto simili ai fiordi norvegesi, e spesso battute da violenti tempeste che rendono difficoltosa la navigazione. Le coste occidentali sono pure ricche di insenature. Sul Canale di San Giorgio si apre l'ampia baia di Cardigan, mentre più sotto si trova il Canale di Bristol, dove le maree possono raggiungere persino i 13 metri d'altezza.
Le montagne della Gran Bretagna non sono molto elevate, raramente sono disposte a catena, ma formano piuttosto dei massicci isolati. Nella parte centrale del paese si inalza una catena di colline piuttosto basse e larghe, i Pennini. Su entrambi i versanti di queste colline vi sono ricchi giacimenti di carbone ed è per questa ragione che attorno sono sorti i grandi centri industriali. Sul versante orientale le colline sono ricche di pascoli, vi abbondano le greggi.
Nella regione del Cumberland (pron. camberlend) si elevano montagne formate di rocce dure e antiche. Nel periodo glaciale questa regione era ricoperta di ghiacci che corrosero le cime dei monti e, quando il clima si fece più mite, si sciolsero, allagando le valli che si tramutarono in laghi. La Scozia è il regno delle Highlands (pron. hailends) o Alte Terre, ricoperte d'estate di erica rossa che si alterna nelle brughiere con felceti, muschi e fitte abetaie. In Scozia si eleva il Ben Nevis (m 1343), che è la cima più elevata di tutta la Gran Bretagna.
Le pianure sono poche in Gran Bretagna. L'unica regione pianeggiante è quella delle « Midlands » (Terre Centrali)" che si estende fra il Galles e la costa orientale ed è compresa fra le città di Londra, Bristol, Liverpool e Hull.
II suolo è in gran parte coperto da brughiere e querceti al centro, da pascoli a nord, e da campi coltivati ad avena, orzo e frumento a sud Questa zona è simile, sotto certi aspetti, alle regioni pianeggianti dell'Europa continentale.
I fiumi non hanno un percorso molto lungo, tanto più che i monti da dove nascono sono in prevalenza lungo le coste.
I fiumi più impotanti sono nel sud del paese: il Severn (km 336) e il Tamigi (km 335). Nella Scozia i fiumi sono ricchi di acque, rapidi e si gettano quasi tutti nel Mare del Nord. Un fiume importante è il Clyde (pron. claid) che attraversa la città di Glasgow.
Sulla costa ovest sfocia il Mersey, il fiume di Liverpool.
Nel Cumberland vi sono diversi laghi; il lago Windermere (pron. uindarmiar) è il più grande ed il più suggestivo (circa 60 chilometri quadrati). I laghi più numerosi sono però nella Scozia. Essi sono vicini uno all'altro ; dei brevi canali artificiali li congiungono così da formare un unico percorso navigabile, il Canale Caledoniano. Fra i laghi scozzesi quelli più noti per la loro bellezza sono il Katrine (pron. chetrin) e il Lomond.
l clima è oceanico, caratterizzato da abbondanti precipitazioni in ogni stagione. Le estati sono fresche e gli inverni ovunque miti: più caldi sul lato occidentale, influenzati dalla corrente del Golfo (le condizioni climatiche più temperate si registrano in Cornovaglia); più freschi sul lato orientale, per l’influsso degli anticicloni continentali. La temperatura si abbassa gradualmente all’aumentare della quota e della latitudine e, come le precipitazioni, procedendo da ovest verso est. Frequenti le nebbie. Secoli di disboscamento hanno ridotto drasticamente il manto forestale (ca il 10% del territorio): gran parte dell’Inghilterra è coperta da pascoli e rari boschi di latifoglie; verso nord e sui rilievi subentrano brughiere e boschi di conifere; nelle estreme regioni settentrionali (Orcadi e Shetland) la tundra.

Home > Europa > Londra > Regno Unito

 
 
aggiornato il 5-07-2011