Kazakistan dati generali

 
   

Fuso orario

dalle 4 alle 5 ore in più dell' Italia

Indirizzi internet

.kz

Ordinamento

Repubblica parlamentare

Città Principali

Pavlodar, Semey, Karaganda, Almaty, Cimkent,
Ust-Kamenogorsk.

Superficie

2.717.300 km² 

popolazione

16.800.000 abitanti circa

religioni

Mussulmana, minoranza Cristiana.

densità

6,1 ab./ km²

Lingua Ufficiale

Kazako, Russo.

Prefisso telefonico Kazakistan

+7

Documenti di viaggio

Passaporto con residuo di validità di tre mesi dalla data di scadenza del visto richiesto, che è obbligatorio rilasciato dall'Ambasciata del Kazakhstan a Roma.

Valuta Kazakistan

tenge 1 euro = 166,69 kzt 02.2005

 

monete e banconote in circolazione
 
 

Aspetto fisico morfologia

Aspetti Idrografia - Il Kazakistan e un paese dell'Asia centrale, e confina con: Russia, Cina, Kirghisistan, Turkmenistan, Uzbekistan. Le sue coste sono bagnate dalle acque del mar Caspio. Il territorio del cartina fisica kazakistanKazakistan, nove volte più vasto dell'Italia, è estremamente eterogeneo non solo dal punto di vista fisico, ma anche e soprattutto dal punto di vista del popolamento, quindi dell'economia. La parte settentrionale, che rappresenta la continuazione verso sud della steppa della Siberia occidentale, è caratterizzata dall'aridocoltura dei cereali; la parte meridionale, situata ai piedi settentrionali del Tian shan, è invece contraddistinta da un'agricoltura irrigua, analoga a quella di alcuni tratti delle altre Repubbliche centro-asiatiche. Le due regioni sono separate da un grande deserto, dove si praticano l'allevamento estensivo del bestiame e un'agricoltura di sussistenza. Dal punto di vista morfologico, il Kazakistan comprende ad ovest il bassopiano del Caspio settentrionale, al centro il Bassopiano Turanico e ad est i Monti Altai, che si estendono anche in Siberia e in Cina. Il bassopiano del Caspio settentrionale, solcato, nel senso dei meridiani, dall'ultimo tratto del fiume Ural e, nel senso nordest-sudovest, dal fiume Emba, giace in gran parte al di sotto del livello del mare (fino a -132 m); altri fiumi sono invece privi di foce propria e disperdono le loro acque nelle sabbie, nelle quali si trovano perciò frequenti bacini riempiti da depositi salini. Lo separano da quello Turanico i Monti Mugodzary, a nord, e Ustjurt, a sud, questi ultimi comprendenti anche le scogliere della tozza penisola Mangyslak, a precipizio sul Mar Caspio.
Analoghe elevazioni sovrastano, da ovest, anche il Lago d'Aral, che a nord viene invece a contatto con l'esteso Bassopiano Turanico, una parte del quale prende il nome di Ripiano del Turgaj, essendo drenata dal fiume omonimo, che disperde le sue acque in uno stagno salmastro. Questo stagno, poco profondo tanto da presentare migliaia di piccole isole melmose, è alimentato dal Syr Daria che vi si immette con un grande delta. Procedendo verso est, prima di raggiungere le pendici occidentali del Tian shan, s'incontrano le cosiddette Alture del Kazakistan, fortemente erose per quanto presentino alcune sommità cupoliformi (alte al massimo 1.565 m a sud e ad est di Karaganda). Qui i fiumi che scorrono in prevalenza verso nord s'infittiscono: fra i maggiori sono la Nura, che termina nel Lago Tengiz, e l'Isim, che confluisce nell'Irtys. A sud delle Alture si stende una larga pianura desertica, la steppa di Betpak-Dala (Steppa della Fame), dove non è raro il manifestarsi di miraggi durante le più calde giornate estive. Un'altra area desolata che ricorda, a parte la più ridotta estensione, il Kyzyl-Kum, è sita a sud del corso del fiume Cu, che scorre verso nord. Ad oriente di queste plaghe desertiche è il Lago Balchas, alimentato soprattutto da fiumi che discendono dal Tian shan, come l'Ili, il Karatal, l'Aksu, formando strisce sabbiose nei punti d'immissione. Nel tratto più prossimo alla Cina, dove il Balchas è soggetto a più intensa evaporazione, si trovano alcune piccole appendici dello stesso lago (Sasyk-Kul', Ala-Kul ecc).
Dai rilievi più imponenti, situati al confine cino-sovietico, si distaccano alcune catene molto elevate e scoscese, fra le quali il selvaggio Karatau (Monte Nero), che separa i bacini del Syr Daria e del Talas raggiungendo i 2.176 metri. Altitudini superiori sono comunque rilevabili al confine meridionale, col Kirghizistan (4.000 m circa), mentre negli Altai la maggiore altitudine, entro i confini del Kazakistan, è di 3.373 metri.

Clima - La continentalità del clima è particolarmente marcata: durante l'estate, nel Sud della regione, si raggiungono perfino 46 °C; durante l'inverno nel Nord si scende al di sotto di -50 °C. Le precipitazioni, di per sé modeste, diminuiscono, in linea di massima, procedendo da nord (dove si registrano 200-300 mm annui) verso sud (dove si superano, di poco, i 100 mm). Perciò i territori meridionali, dove i massimi di piovosità si rilevano in inverno, sono desertici, mentre quelli settentrionali sono caratterizzati da una vegetazione steppica. La permanenza della neve al suolo, che supera i cento giorni all'anno nelle aree montane del Sud (Almaty), spesso ostacola i traffici stradali e lo stesso spostamento dei pastori nomadi. Frequente, sui rilievi ad est del Lago Balchas, è il manifestarsi del fòhn, che spira a forte velocità (perfino 170 km all'ora), attraverso la Porta di Zungaria, per un centinaio di giorni all'anno. Non mancano, però, venti provenienti da nord, come il sajkan, tipico dell'Ala-Kul' (Lago Superiore). Nel deserto, provocano violente tempeste di sabbia che riducono notevolmetne la visibilità.

 

Posizione geografica del Kazakistan in asia

posizione kazakistan in asia
Cartina Kazakistan
Economia
Popolazione
Storia
 
Bandiera
 
Turismo
Risorse esterne
Aspetto fisico Idrografia
Clima
 
Posizione geografica
 
 
[ Torna in cima alla pagina ] aggiornato il 22-09-2014