Ricerca personalizzata
 
 
 

Phnom Penh la capitale della Cambogia

BANDIERA DELLA CAMBOGIA


Inviaci il tuo report
su Phnom Penh CLICCA QUI

link sponsorizati

Link uffici ice (ufficio Italiano per il commercio estero)
Non presente

Report by FreedomHouse
( In Inglese )
La Libertà nei vari paesi del mondo
( Cambogia )


DESCRIZIONE STORIA LUOGHI DI INTERESSE A PHNOM PENH

Phnom Penh è situata nella parte centro-meridionale del Paese, a 10 m in una zona acquitrinosa alla confluenza tra i fiumi Mekong (che qui si divide in due bracci), Bassac e Tonle Sap, e conta circa 1.200.000 abitanti.
È il più importante centro religioso e culturale della Cambogia, con musei e numerose scuole di ogni ordine e grado: tra gli istituti superiori, l'Università (fondata nel 1960), le scuole di ingegneria, di belle arti, tecnologia, scienze agrarie. Aeroporto internazionale a Pochentong, dove è situata anche una stazione meteorologica. La città trae nome da un'altura artificiale (phnom) dove nel secolo XIV una donna, Penh, aveva eretto un santuario. Nel 1434 il principe Ponhea Yat, poi re Suryavarman (Soriyopear, 1441-59), vi fece costruire il suo palazzo, fondando così la città e facendone la sua capitale in sostituzione della perduta Ayuthya. Tra gli edifici civili e religiosi si segnalano il Palazzo Reale, il Palazzo del Trono, con imponente sala un tempo adibita alle incoronazioni e alla presentazione dei nuovi diplomatici (lunga 100 m e larga 30) e il Padiglione Reale, con la cappella privata del re, dove il sovrano consultava gli oracoli prima di prendere delle decisioni importanti. Del 1892 è la Pagoda d'Argento, fatta costruire da re Norodom e chiamata così per le cinquemila tegole d'argento del peso di un chilogrammo poste sul tetto. Nonostante i saccheggi dei Khmer, rimane un esempio straordinario della ricchezza culturale di questo popolo (all'interno ricchi esempi di statuaria buddhistica).
Collegata per ferroviaria a Bangkok (Thailandia) e per via stradale alla Thailandia, al Laos, al Vietnam meridionale e al mare, è provvista di un buon porto fluviale, distante circa 280 km dal mare ma accessibile a navi fino a 4.000 t di stazza. Parzialmente distrutta nella prima metà degli anni Settanta durante le ultime fasi della guerra civile contro il regime di Lon Nol, con la fine del conflitto e l'avvento al potere dei Khmer rossi (1975), Phnom Penh, come del resto tutte le città cambogiane, fu nel giro di pochi giorni letteralmente svuotata. La capitale passò così dai suoi 2 milioni di abitanti a poche migliaia di persone, per lo più militari, mentre tutti i cittadini, per realizzare il più radicale esperimento rivoluzionario mai tentato al mondo, venivano trasferiti in massa nelle aree rurali e nella giungla. Solo a partire dal 1979, con l'instaurazione di un nuovo governo, la città è tornata a popolarsi. Accanto alle tradizionali funzioni agricolo-commerciali (riso, cotone), Phnom Penh svolge un importante ruolo nel settore industriale, unitamente al centro-satellite di Takhmau; è sede di stabilimenti alimentari, metalmeccanici, tessili, chimici, del legno, del vetro e delle ceramiche.

ZONE DA EVITARE E ZONE SICURE a PHNOM-PENH

Tutta l'area urbana della capitale è abbastanza pericolosa, sopratutto nelle ore notturne.

MONETA DELLA CAMBOGIA

riel 1 euro = 5020,40 khr 11.2004

monete e banconote in circolazione

 

PREFISSO TELEFONICO CAMBOGIA
+855

PREFISSO TELEFONICO PHNOM PENH
23

LINGUA UFFICIALE CAMBOGIA
khmer francese

DOCUMENTI DI VIAGGIO
Passaporto con validità residua di almeno sei mesi dalla data d'ingresso in Cambogia.
E' necessario il visto d'ingresso che viene rilasciato presso le ambasciate e i consolati della Cambogia, o può essere ottenuto, per brevi periodi di permanenza, anche in frontiera, o presso gli aeroporti internazionali della capitale.

LA POSIZIONE DELLA CAMBOGIA IN ASIA

LA POSIZIONE DELLA CAMBOGIA IN ASIA


Home > Asia > Phnom Penh
 
 
 

aggiornato il 5-07-2011