Home > Africa > Dodoma > Tanzania

Tanzania dati generali

Fuso orario

2 ore in più dell' Italia

Indirizzi internet

.tz

Ordinamento

Repubblica presidenziale

Città Principali

Dar as salsam, Zanzibar.

Superficie

945.090km² 

popolazione

38.100.000 abitanti circa

religioni

Animista, mussulmana, cattolica.

densità

40,3 ab./ km² 

 

Aspetti fisici territorio della Tanzania

La Tanzania è uno stato dell'Africa centro orientale, e confina con: Kenia, Mozambico, Malawi, Zambia, Rep. dem. del Congo, Burundi, Ruanda, Uganda. Le sue coste sono bagnate dall'Oceano Indiano.
Il territorio della Tanzania corrisponde a una sezione degli altopiani dell’Africa orientale (alt. media 1000 m), formati di rocce antichissime, quasi completamente livellate dall’erosione. Questo vasto tavolato è interrotto da due profonde valli tettoniche: a ovest la Rift Valley, sul lato orientale una diramazione della stessa. Lungo i due sistemi di fosse si allineano rilievi montuosi (Livingstone, Kipengere, Makari) e si elevano, specie a nord est , imponenti edifici vulcanici: il m. Kilimangiaro (5895 m), massima vetta dell’Africa, il Meru (4565 m) e il Ngorongoro (3188 m), il cui cratere di 40 km di diametro è il maggiore della Terra. A nord l’altopiano digrada dolcemente verso le coste del lago Vittoria, il più vasto del continente, mentre a est dai rilievi della fossa tettonica scende ripido su una stretta fascia costiera, solo localmente delimitata da pianure alluvionali. Il versante occidentale del paese termina bruscamente nella Rift Valley, occupata da laghi tettonici: il Malawi, a sud, e il Tanganica al centro. Altri bacini lacustri occupano le depressioni tettoniche, tutti però privi di emissario: il lago Rukwa, a sud ovest e i laghi Eyasi, Manyara e Natron a nord. I tre laghi maggiori hanno la particolarità di alimentare versanti idrografici differenti: dal Vittoria nasce il Nilo, tributario del Mediterraneo; dal Tanganica le acque scendono verso il bacino del Congo e con questo nell’oceano Atlantico; dal Malawi, infine, esce un affluente dello Zambesi, che si getta nell’oceano Indiano, verso il quale gravitano pure i fiumi, numerosi e ricchi di acque, che percorrono l’altopiano. La Tanzania sfiora a nord la linea dell’equatore, pertanto i climi variano progressivamente dal tipo equatoriale (mitigato dall’altitudine) a quello subequatoriale e a quello tropicale. Le piogge, costanti e ben distribuite a nord , al centro e al sud si concentrano nei periodi primaverile e autunnale. Per la provenienza dei venti umidi, le aree maggiormente piovose sono lungo la costa (1500 mm), e diminuiscono progressivamente verso l’interno (ma sui vulcani del N salgono a quasi 4000 mm). La formazione vegetale prevalente è la savana arborata, che localmente si riduce a steppa arida e, lungo la costa, si trasforma in foresta (spesso sacrificata alle colture tropicali).

 

Home > Africa > Dodoma > Tanzania
 
 
aggiornato il 5-08-2011